Impianti elettrici per locali con pericolo di esplosione

Per la classificazione delle aree si può fare riferimento alle norme tecniche armonizzate relative ai settori specifici, tra le quali la norma EN 50281-3 (CEI 31-52) per atmosfere esplosive in presenza di polveri combustibili.
La procedura di classificazione delle aree prevista dalla norma risulta abbastanza complessa, ma in linea generale si può ricondurre ai seguenti passi:
- Individuazione delle sorgenti di emissione;
- Assegnazione del grado di emissione alle sorgenti (considerando le eventuali contemporaneità di più sorgenti);
- Determinazione della forma della zona pericolosa;
- Determinazione dell'estensione della zona pericolosa (considerando eventuali aperture);

Le sorgenti di emissione SE devono essere ricercate in generale nei seguenti componenti d'impianto:
- Flange;
- Valvole;
- Compressori;
- Connessioni;

A titolo esemplificativo, vengono riportate alcune soluzioni impiantistiche adottate in un capannone con zone a rischio di esplosione.
La cassetta di derivazione, i raccordi e le tubazioni sono del tipo Ex.
1Canali002.jpg
10Canali003.jpg

Dettaglio nodo collettore di terra su quadro elettrico

1Nodo002.jpg
2Nodo001.jpg
Il nodo collettore dell'imipantoi di terra è costituito da una bandella di rame di spessore 3 x 30mm fissata all’interno del quadro elettrico di zona con morsetti metallici non isolati. Deve essere possibile il sezionamento solo mediante attrezzo per poter effettuare le verifiche.

Capannone zona industriale Asti

1Impianto08.jpg
1Impianto05.jpg
1Impianto07.jpg
1Impianto06.jpg
L’impianto elettrico a servizio del capannone qui presentato, a differenza del precedente, non comprende zone ATEX. La tipologia impiantistica rispetta comunque le prescrizioni ed indicazioni della norma CEI 64-8 sez. 751 e cioè
- componenti elettrici limitati alle reali necessità dell' ambiente
- dispositivi di manovra e protezione posti in luoghi a disposizione del personale
addetto o racchiusi in involucri apribili con chiave (non accessibili al pubblico)
- distanze dei corpi illuminanti dagli oggetti combustibili
- protezione dalle sovracorrenti e cavi non propaganti la fiamma e l'incendio
- illuminazione di sicurezza

Nel capannone l’impianto è stato realizzato a vista in canalizzazione metallica posata a parete.
Le tipologie impiantistiche affrontate nel progetto sono state:
• Impianto prese e f.m.;
• impianto di illuminazione ordinaria e di sicurezza;
• quadri elettrici
• predisposizione per impianto telefonico e trasmissione dati
• condutture elettriche e relative protezioni a partire dai quadri elettrici